Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Storia di Maria Michele che non fu brigante

Genere: Narrativa
Collana: La Controra
Editore: Andrea Pacilli Editore
Pagine: 94
ISBN: 9788896256404
Distribuito: Messaggerie
Anno: 2014
NIC: 3

10,00

Acquista
  0 / 0
ScarsoOttimo
Visualizzazioni: 855

 

Abstract

La storia di una donna del Gargano che, nel periodo post unitario, incontra ed ama uno dei briganti più potenti del territorio garganico e che si batte senza quartiere contro i "Piemontesi". Maria Michela ama Angelo Maria Zambro, detto "U Zambre", il "generale delle campagne", e ne ha un figlio: Giuseppe. Ma amare un brigante e custodirne il figlio significa doversi nascondere, soffrire in solitudine, e temere per la sorte futura di un bambino il cui futuro è incerto e difficile in una situazione e in un periodo come quello che vivono. Maria Michela è combattuta: seguire il suo uomo o fuggire da un tempo e un luogo che sembrano senza speranza? Alla fine Maria Michela, piccola e coraggiosa donna garganica, troverà la soluzione. Un racconto lungo che romanza personaggi e situazioni reali e propone una figura di donna nuova, speranza per un tempo e una vicenda drammatica e tragica quale la repressione post unitaria esercitata senza pietà dalle forze piemontesi nei confronti delle popolazioni meridionali.